Dare-Sardinia-Next-Events-programma-escursioni

Next Events

Scopri i Prossimi Eventi Dare Sardinia


Autunno 2022


SABATO 19 NOVEMBRE

Le Aree Umide del Sinis: Storie di Antiche e Nuove rotte (Laguna di Mistras)

Nella Sardegna centro-occidentale, esiste una terra di mezzo, baciata dal sole e rinfrescata dal maestrale (su Entu Maistru).
Una terra fertile, bagnata da un mare smeraldo e guardata bonariamente da nordest da alte montagne che si specchiano negli splendidi stagni e lagune che la caratterizzano.
Una terra abitata dall’antichità, popoli diversi l’hanno vissuta e si sono dati battaglia per viverci e dominarla, ci sono stati Re e grandi Regine, ma al giorno d’oggi è la natura a dominare:
Sabato 19 visiteremo i suoi stagni e le sue lagune, racconteremo la storia e la natura di questo territorio, vi aiuteremo a riconoscere decine di specie.
Vi parleremo delle lunghe migrazioni che compiono alcuni grandi viaggiatori che vedono, nelle nostre aree umide, porti sicuri dove trascorrere la stagione più rigida.

  • Difficoltà: T
  • Distanza: 4 km c.ca
  • Durata: 2h30 pause comprese
  • Quota di partecipazione: € 15,00

DOMENICA 20 NOVEMBRE

Marghine: Una Terra di Confine (Bolotana)

A Nord dell’Altipiano di Abbasanta si erge una catena montuosa che, sin da tempi remoti, segna il confine tra “il capo di sopra” e “il capo di sotto”, ovvero tra la Sardegna settentrionale e quella centro-meridionale.
Le sue rocce sono testimoni indelebili di un passato segnato da incessanti attività vulcaniche.
Dalle sue vette, che raggiungono i 1200 metri s.l.m., si apre un paesaggio sconfinato. Nelle sue valli interne, boschi di roverella ne proteggono gli abitanti e sinuosi torrenti li attraversano formando, talvolta, spettacolari cascate.
Antichi “Cuiles” raccontano di un economia di stampo Agro-pastorale che viveva, in queste terre, il rito della transumanza. Nel cuore di queste montagne si trova una splendida villa ottocentesca, appartenuta all’Ingegnere Gallese Benjamin Piercy, che di questi luoghi magici si innamorò.
Vi accompagneremo, con passione, per raccontarvene la storia, la natura, gli aneddoti e le leggende, attraverso sentieri fatati resi ancor più speciali dai colori dell’Autunno.

  • Difficoltà: E
  • Distanza: 11 km
  • Dislivello: 350 mt.
  • Durata: 6h (pause e visita a Villa Piercy comprese)
  • Guide Roberto e Luca
  • Quota di Partecipazione: € 35,00 (include accompagnamento guidato, copertura assicurativa RC e visita guidata a Villa Piercy)

DOMENICA 27 NOVEMBRE

Paesaggi d’acqua: Piscina Irgas Foresta di Monti Mannu

Nella foresta demaniale di Monti Mannu, habitat ideale del Cervo sardo, si snodano una serie di sentieri, immersi nella selva mediterranea, dal considerevole valore naturalistico. Seguendo uno di questi vi condurremo sull’altopiano granitico di Oridda, circondati dalle montagne più alte della Sardegna sud-occidentale, dove ha origine uno degli spettacoli d’acqua più noti di tutta l’isola: la Cascata di Piscina Irgas, con i suoi oltre 40 metri di salto.
Vi racconteremo di come questa meravigliosa “contea” sia stata oggetto di sfruttamento per la produzione di carbone e traversine. Vi racconteremo dell’attività mineraria che ha interessato tutta l’area circostante. Vi racconteremo della fauna e della flora che popolano questi boschi incontaminati. Ma sarà soprattutto la Natura a raccontarvi se stessa in un percorso ad anello che saprà inondarvi di bellezza.
Difficoltà: E
Distanza: 10 km
Dislivello positivo: 440 mt.
Durata: 7h (pause comprese)

  • Difficoltà E
  • Distanza 10 km
  • Dislivello 440 mt
  • Durata 7h
  • Guide: Roberto e Massimiliano
  • Quota di partecipazione: € 25,00

DOMENICA 4 DICEMBRE

Saline Conti Vecchi: L’Industria Chimica incontra la Natura (Saline Conti Vecchi)

Questa è una storia iniziata oltre un secolo fa, quando un visionario toscano, l’ Ing. Luigi Conti Vecchi, direttore delle ferrovie in Sardegna, nel 1919 presentò un rivoluzionario progetto per la bonifica e la riqualificazione della Laguna di Santa Gilla.
Quell’anno segna l’inizio della storia di una delle aziende più longeve della Sardegna.
Tra scetticismi e non poche difficoltà, nel 1921 partono i lavori di bonifica che interesseranno migliaia di ettari di territorio.
Dopo dieci anni, la salina inizierà ufficialmente a produrre l’oro bianco di Sardegna, servendosi dell’acqua di mare del golfo di Cagliari, del sole caldo di Sardegna e del vento secco di maestrale.
Alle porte della città, un’industria sostenibile e all’avanguardia, è già realtà agli inizi degli anni trenta e insieme all’impianto produttivo si costruisce anche il villaggio Macchiareddu: residenza dei lavoratori della salina.
La comunità del sale rappresenterà uno degli esempi più virtuosi di sistema sociale che si rilevano in Sardegna nello stesso periodo, dotato di abitazioni moderne, scuole, mensa, attività ricreative e una corriera aziendale a servizio dei cittadini.
Ma non è tutto: ora come allora, la salina custodisce al suo interno un’oasi naturalistica di rilievo in tutto il bacino del Mediterraneo, che ospita centinaia di specie avifaunistiche, stanziali e migratorie, che in questi luoghi trovano riparo e ristoro.
Oggi le saline Conti Vecchi sono una zona di protezione speciale e un’ importante area umida tutelata dalla convenzione di Ramsar.
Noi di @dare_sardinia vi accompagneremo alla scoperta della storia, dei segreti produttivi e degli incredibili risvolti naturalistici che questo luogo nasconde.
Venite a scoprirla con Noi …data…
La quota di partecipazione di € 25,00 include:

  • Ticket d’ingresso
  • Tour in trenino guidato all’interno della zona produttiva e dell’oasi naturalistica
  • Visita guidata all’interno degli edifici storici (gli uffici, il laboratorio chimico, l’officina, la falegnameria)
  • Passeggiata naturalistica guidata e osservazione faunistica in compagnia di Guide Ambientali Escursionistiche specializzate alla scoperta delle rovine del villaggio, di Porto San Pietro e del panorama circostante
  • Copertura assicurativa RC

TUTTI I MARTEDI & GIOVEDI

Una sera alla Sella (Sella del Diavolo, Cagliari)

Vi mostreremo le sue particolarità naturalistiche, cammineremo tra endemismi floristici e rocce che un tempo popolavano gli abissi. Vi racconteremo di antiche leggende e di culti pagani che, per millenni, hanno caratterizzato questi luoghi.

  • Difficoltà: T
  • Distanza: 4,5 km
  • Dislivello: 150 mt
  • Durata: 3h circa
  • Quota di Partecipazione: € 25,00
  • Guida: Roberto
  • Orari: 18:00-21:00